TiNoleggio / notizie / Viaggio enogastronomico in Sardegna: scopriamo la cucina sarda

Viaggio enogastronomico in Sardegna: scopriamo la cucina sarda

Luogo di ritiro
RITIRO
Luogo di riconsegna
DA
07/10/2022
10:00
A
09/10/2022
10:00
Inserisci la tua età e nazionalità
Tinoleggio.it collabora con le società più affidabili, ovunque nel mondo.
Partner logo
12/10/2016 - 

Viaggio enogastronomico in Sardegna: scopriamo la cucina sarda

Pane CarasauLa cucina sarda è un connubio di sapori e profumi antichi e variegati, ben diversificati all'interno di tutto il territorio isolano. Tutti coloro che si recano in vacanza in Sardegna possono apprezzare un sapiente mix delle diverse tradizioni locali, che variano a seconda della zona, ma sono tutte legate alla cultura agro-pastorale di questa terra.

Le paste grosse e il tipico pane Carasau

CulurgionesUno dei prodotti tipici più conosciuti in tutto il mondo è il pane Carasau: questa tipologia di pane si ottiene con la stesura di una sfoglia sottilissima di impasto non lievitato, che viene cotta per ben due volte. Questa speciale preparazione permette che il pane possa essere conservato molto facilmente.

Amatissimo dai pastori per via della comodità di trasporto, il pane carasau è usato per la preparazione di numerosi antipasti, quali il frattau e il mazzamurru, che vengono preparati con pecorino, uova e salsa di pomodoro. Se preparato con un filo d'olio e un po' di sale, inoltre, il pane carasau costituisce un’altra tipica specialità, chiamata guttiau.

Ma famosissime sono anche le numerose paste grosse o ripiene: tra queste vale la pena ricordare i Culurgiones, il cui interno è composto da pecorino, patate e menta secondo la versione più tradizionale, ma è possibile trovarli anche con ricotta, spinaci e uova.

I malloreddus, invece, sono gnocchetti che vengono serviti con un gustoso sugo a base di pomodoro e salsiccia, insaporito con alloro e zafferano e condito da una spolverata finale di pecorino. Vi consigliamo di assaggiare anche la fregula, un particolare tipo di cous cous che viene servito condito con verdure, carne e pesce.

L'antica tradizione pastorale: carne e formaggio

Pecorino SardoProbabilmente uno dei piatti più amati da tutti i turisti della Sardegna è il porceddu, un vero e proprio simbolo della cultura pastorale della Regione. Si tratta di un maialino da latte che viene cotto arrosto e servito sulle bacche di mirto.

Altre gustose preparazioni sono i tacculas, piccoli pennuti cotti infilzati in ramoscelli di mirto, o i trattalia, un misto di interiora di pecora e capretto che vengono arrostite. Diversi sono gli spezzatini che si possono assaporare in tutte le zone dell’isola: la loro particolarità è che vengono cotti a carragiu, cioè in una buca scavata a terra nella quale viene acceso il fuoco.

Questo particolare metodo di cottura permette di mantenere tutta la morbidezza delle carni e il loro gusto originale. Non va dimenticato, infine, che la Sardegna è famosa a livello internazionale anche per il suo formaggio.

La regione vanta il primato europeo di produzione di formaggio, lavorato per lo più con il latte di pecora, dando vita a una varietà infinita di pecorini DOP e altri formaggi unici. Dal pecorino sardo al Fiore Sardo, dai formaggi ovini a pasta molle ai formaggi canestrati, fino ai buonissimi Casu Axedu e Gioddu, le tipologie casearie sarde sapranno conquistarvi con il loro gusto unico e inconfondibile.

Grazie per esserti iscritto!
Iscriviti alla newsletter e resta aggiornato sui nostri consigli di viaggio
Contattandoci acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Leggi la nostra informativa privacy.