Tinoleggio / Notizie / Van Gogh Museum: Non Perderti La Più Grande Collezione Dell’Artista Olandese Ad Amsterdam

Inserisci i dati anagrafici del conducente principale affinchè possa essere calcolato un corretto importo assicurativo

ritiro
Codice convenzione:reloadOKKOright
times
nearbyairplanetrainboat
close
alertAttenzione, nessun punto di ritiro attivo nel comune indicato.

Di seguito elenchiamo una lista di comuni limitrofi, che presentano un centro noleggio:

Purtroppo non ci sono punti affiliati nell'arco di 0 chilometri dalla città indicata.

      28/02/2020 - 

    Van Gogh Museum: non perderti la più grande collezione dell’artista olandese ad Amsterdam

    La maggior parte delle opere di uno degli artisti più celebri di tutti i tempi è contenuta tutta qui, nel Van GoghMuseum di Amsterdam!

    Dai “mangiatori di patate” ai “girasoli”: pronti per viaggio alla scoperta della vita e delle opere di Vincent Van Gogh?!?

    Si parte per Amsterdam con TiNoleggio!

    Unico e Geniale

    Vincent Van Gogh rappresenta il prototipo più famoso di artista maledetto: una vita tormentata dalla follia, dall’angoscia e dall’emarginazione.

    Van Gogh

    Fonte: https://www.repubblica.it

    Figlio primogenito di un pastore protestante, Vincent nasce a Groot Zundert il 30 marzo del 1853; di indole inquieta e sensibile inizia a lavorare presso una ditta di mercanti d’arte, ma ben presto sente una profonda vocazione che lo porta a iniziare un percorso di studi in teologia e a frequentare una scuola di evangelizzazione.

    A 25 anni diventa predicatore e viene inviato nella regione mineraria del Borinage, in Belgio. La sua vicinanza e il sostegno dato ai minatori della zona destano il sospetto delle autorità; viene sospeso dall’incarico ma rimane comunque nella regione: è proprio qui che inizia a realizzare i suoi primi disegni.

    Capisce che la sua “valvola di sfogo” può essere l’arte, così inizia a studiare disegno anche e soprattutto grazie al sostegno dell’amato fratello Theo.

    Si iscrive presso la Scuola di Belle Arti ad Anversa, ma il suo carattere difficile e insofferente verso le autorità gli impedisce di continuare e di accedere ai corsi superiori; l’Accademia respinge l’allievo Vincent Van Gogh perché non sa disegnare…

     
     
     
    Visualizza questo post su Instagram

    Prendi una serata qualsiasi e mettici un terrazzo, un pezzo di cielo e qualcosa da bere. Ed è subito magia. #vincentvangogh #terrazzadelcaffèlasera

    Un post condiviso da Federico Sensi (@federico.sensi) in data:

    Dopo questa delusione, Vincent si trasferisce a Parigi dal fratello Theo che dirige una filiale della casa Goupil, una piccola galleria d’arte.

    Da qui in poi Van Gogh si dedicherà solo ed esclusivamente alla pittura.

    Durante i due anni trascorsi nella capitale francese si avvicina ad artisti del calibro di Monet, Renoir e Degas; proprio grazie a loro, e all’impressionismo più in generale, scopre un elemento che rivoluzionerà la sua pittura: il Colore.

    Sinfonia di Colori

    Ciò che è il colore in un quadro è nella vita l’entusiasmo”

    Le opere di Van Gogh sono caratterizzate da un utilizzo del colore particolare: pennellate dalle forme tormentate, stese quasi con furia, impregnate di “colore puro”.

    Van Gogh

    Fonte: https://www.greenme.it/

    Due colori su tutti distinguono da sempre i dipinti di Van Gogh: il giallo e il blu.

    Il sentimento del giallo

    Vincent era quasi ossessionato dal giallo.

    Giallo sono i girasoli, i campi di grano e la casa di Arles.

    Nei suoi quadri i toni chiari virano sempre sul giallo, che domina incontrastato su moltissime delle opere.

    In alcuni casi anche il cielo diventa giallo.

    Van Gogh

    Fonte: https://www.greenme.it/

    A quanto pare, Van Gogh soffriva di xantopsia, un disturbo visivo che distorce la visione dei colori e in cui i colori chiari vengono percepiti come gialli mentre quelli scuri come viola; il tutto amplificato dall’abuso di assenzio e medicinali.

    Il sentimento del Blu

    Altro colore molto utilizzato dall’artista è il blu. 

    Celebre è la splendida “Notte Stellata” custodita al MoMa di New York.

    Attraverso i colori riesce a fissare sulla tela i suoi stati d’animo, lasciando impresso nei suoi dipinti ciò che è stata la sua vita fatta di dolore, sofferenza e piccole gioie.

    “Sulla soglia dell’eternità”

    Un film su Van Gogh raccontato dal punto di vista di Van Gogh.

    Non si tratta di un film biografico, ma di una riflessione sulla capacità dell’artista di vedere cose che noi non possiamo vedere…se non attraverso i suoi quadri, ovviamente.

    L’obiettivo è mostrare cosa significa essere un artista, cosa significa creare un quadro.

    Il titolo è ripreso dalla tela di Vincent “Sulla soglia dell’eternità. (Vecchio che soffre)” in cui è ritratto un veterano di guerra, Adrianus Jacobus Zuyderland, che il pittore aveva incontrato tempo prima. Il quadro è stato realizzato durante la sua permanenza nell’ospedale di Saint-Rémy de Provence nel reparto psichiatrico. 

    Un’opera che esprime tutta la sofferenza dell’artista.

    Van Gogh e Gauguin

    Nel film viene raccontata anche l’amicizia tormentata tra Van Gogh e Paul Gauguin.

    Van Gogh

    Fonte: https://www.finestresullarte.info/

    Due artisti rivoluzionari che si trovarono a convivere per due mesi nella famosa “Casa Gialla” di Arles.

    L’incompatibilità caratteriale dei due e la salute psichica sempre più precaria di Vincent sfociano in una lite furibonda: le strade dei due artisti si separano per sempre.

    Della loro amicizia resta un quadro, un ritratto che Gauguin fece a Van Gogh mentre era intento a realizzare i suoi famosi “Girasoli”.

    Van Gogh

    Fonte: https://www.guglielmospotorno.it/

    Van Gogh Museum

    Un museo che racconta la vita, le opere e il genio di Vincent Van Gogh.

    Il Van Gogh Museum è una tappa obbligatoria durante un viaggio ad Amsterdam; il museo accoglie, come detto in precedenza, la più grande collezione di opere del pittore olandese.

    Una collezione che conta più di 200 quadri, tra cui 4 delle 13 tele di grandi dimensioni (50x100 cm), 500 disegni e acquarelli e centinaia di lettere che Vincent inviò a Theo; inoltre, comprende anche alcuni effetti personali di Van Gogh.

    Non si tratta di un semplice museo, ma di un viaggio nella vita dell’artista.

    Tra i quadri più famosi esposti all’interno del museo ricordiamo uno dei 3 dipinti intitolati “La Camera di Vincent ad Arles”, “I Mangiatori di Patate” e, dulcis in fundo, “I Girasoli”, simbolo per antonomasia di Van Gogh.

    Queste e tante altre opere vi aspettano al Van Gogh Museum di Amsterdam: lasciatevi travolgere dalle opere del pittore più famoso al mondo!

    Fonte Immagine Anteprima: https://enamsterdam.com

    Grazie per esserti iscritto!