Nazione di residenza del conducente
IT
Età conducente

Inserisci i dati anagrafici del conducente principale affinchè possa essere calcolato un corretto importo assicurativo

ritiro
Codice convenzione:
Attenzione, nessun punto di ritiro attivo nel comune indicato.

Di seguito elenchiamo una lista di comuni limitrofi, che presentano un centro noleggio:

Purtroppo non ci sono punti affiliati nell'arco di 0 chilometri dalla città indicata.

      07/03/2019 - 

    La Dotta, la Grassa e la Rossa: benvenuti a Bologna

    Piazza Maggiore Quando si pensa a Bologna, capoluogo dell’Emilia-Romagna, la mente rimanda immediatamente alla sua Piazza Maggiore circondata dai suoi splendidi portici, ma è altrettanto facile che si inizi a canticchiare la bellissima canzone di Lucio Dalla: "Bologna, ogni strada c'è una buca. Per prima cosa mangio una pizza da Altero c'è un barista buffo, un tipo nero. Bologna, sai mi sei mancata un casino!"

    Se Venezia è "la Serenissima" e Roma è "la Città eterna", Bologna vanta ben tre soprannomi: "la Dotta", "la Grassa" e "la Rossa", ognuno dei quali rimanda ai grandi miti che contraddistinguono questa città.

    Il primo soprannome è chiaramente riconducibile all’università più antica in Occidente, che risale al 1088 e che ha, da sempre, attirato studenti da ogni dove. Il secondo altro non è che un richiamo alla sua tradizione culinaria che si caratterizza per abbondanza e generosità. Infine, il terzo, ha una duplice giustificazione, ricorda il rosso dei mattoni con cui, nel medioevo, sono stati edificati torri e palazzi e, al contempo, in un’accezione più moderna, rinvia alle case automobilistiche Ducati e Ferrari.

    Le attrattive di questa città sono tante e, per poter sfruttare efficacemente il tempo a vostra disposizione, non vi resta che ritirare un’auto a noleggio presso l’Aeroporto Marconi usufruendo del servizio offerto da TiNoleggio.

    Il Centro città

    Torre degli Asinelli Giunti a Bologna non si può rinunciare ad una passeggiata tra i suoi portici che, risalenti all’epoca medievale, sono stati edificati in risposta alla crescente urbanizzazione, e oggi la rendono davvero una città unica al mondo. Proprio passeggiando per il centro sarà facile raggiungere la Torre degli Asinelli e TorreGarisenda. La seconda è visivamente più bassa rispetto alla prima, di certo, la vista dalla Torre degli Asinelli è impagabile sia per i turisti che per i Bolognesi.

    Una chicca, poco nota ai più, ma che vale assolutamente la pena di vedere, è "la finestrella di via Piella", anche conosciuta come "la piccola Venezia". Tra i primi del Novecento e il dopoguerra il canale delle Moline (una prosecuzione del canale Reno) è stato ricoperto d’asfalto, oggi, passando sotto Porta Genovese sarà possibile scorgere l’unico piccolo tratto d’acqua rimasto che apparirà, agli occhi dei visitatori, come una cartolina della nota città sulla laguna veneta.

    Una volta a Bologna lasciatevi coinvolgere dal vecchio gioco che si faceva da bambini: il telefono senza fili. In centro potrete trovare il Voltone del Podestà, qui basterà essere in due per comunicare senza nemmeno guardarsi negli occhi, sarà sufficiente mettersi agli angoli opposti e parlare volgendo la bocca verso la colonna.

    Gastronomia & Co.

    Portici Bologna Gli innumerevoli ristoranti che offre "La grassa" ci potranno deliziare con tutte le ricette tipiche del territorio: dai tortellini alla lasagna, dal risotto con le rane alla gramigna con la salsiccia, dal fantomatico ragù alla mortadella, passando ovviamente per lo squacquerane e le tagliatelle e irrorando il tutto con una buona bottiglia di Lambrusco!

    Sempre sul tema culinario, ci si può spingere fino a Anzola dell’Emilia, in provincia di Bologna, per visitare il "Gelato Museum".

    La struttura, inaugurata nel 2012, ripercorre le prime tecniche di conservazione del ghiaccio e la nascita del mestiere del gelataio giungendo fino ai giorni nostri. Un luogo che, indubbiamente, sarà in grado di prendere per la gola i suoi visitatori!

    Ovviamente non dimentichiamo il terzo soprannome del capoluogo "la Rossa" ed ecco che, per gli appassionati del genere, non potrà mancare una visita al museo dedicato ad Enzo Ferrari, fondatore dell’omonima casa automobilistica. Poco più in là, a Maranello, sarà possibile accedere al museo Ferrari con un’esposizione prettamente dedicata ai Campionati mondiali e alla Formula 1.

    Grazie per esserti iscritto!
    Hai bisogno di aiuto?