TiNoleggio / notizie / Il Castello di Fumone e le sue leggende: itinerario italiano per HalloweenNoleggio Auto | Noleggio Furgoni

Inserisci i dati anagrafici del conducente principale affinchè possa essere calcolato un corretto importo assicurativo

ritiro
Codice convenzione:reloadOKKOright
times
nearbyairplanetrainboat
close
alertAttenzione, nessun punto di ritiro attivo nel comune indicato.

Di seguito elenchiamo una lista di comuni limitrofi, che presentano un centro noleggio:

Purtroppo non ci sono punti affiliati nell'arco di 0 chilometri dalla città indicata.

      28/10/2016 - 

    Il Castello di Fumone e le sue leggende: itinerario italiano per Halloween

    Castello di FumoneNella provincia di Frosinone, si trova uno dei posti più particolari e suggestivi dove poter trascorrere il giorno di Halloween: si tratta del Castello di Fumone, una delle principali attrazioni presenti in Ciociaria. Fiumone, piccolo paese nel cui centro sorge l’omonimo e particolarissimo castello, è un meraviglioso borgo le cui origini, secondo la leggenda, sono legate a Tarquino il Superbo che, nel V secolo, si sarebbe qui rifugiato dopo essere stato cacciato da Roma.

    Il paese, inoltre, è noto anche per essere stato il luogo di prigionia di Papa Celestino V, in seguito alla sua rinuncia al pontificato. L’attrazione principale di Fiumone è indubbiamente il suo Castello, noto come Castello Longhi, che per più di 500 anni è stato usato come punto di avvistamento.

    Storia e dettagli sul Castello di Fumone

    Sale interne del Castello di FumoneIl Castello di Fumone era la principale fortezza militare nel Basso Lazio dello Stato Pontificio. Si trova su un'altura di oltre 800 metri, collocazione che da sempre ha favorito l’utilizzo del castello per scorgere i movimenti a valle e difendersi dai nemici.

    Inoltre, la sua posizione strategica ne ha fatto una fortezza inespugnabile, tanto che nel corso dei secoli furono vani sia i tentativi di conquista, che i tentativi di fuga da parte dei prigionieri. Esso è stato da sempre teatro di vicende segrete, misteriose e drammatiche e, per questo motivo, rappresenta una meta ideale per trascorrere il giorno di Halloween.

    Si dice che dai sotterranei del Castello si sentano ancora oggi le urla e i gemiti dei prigionieri dello Stato della Chiesa, che a Fiumone applicava ai suoi nemici le torture più disumane. Tante furono le persone illustri prigioniere all'interno di questo castello, come Gregorio VIII e Celestino V, “L’Antipapa” per eccellenza. Gregorio VIII, trovò la morte in questo luogo, ma il suo corpo non venne mai ritrovato, tanto che si presuppone fosse stato occultato in qualche intercapedine. Celestino V, invece, venne ucciso nel 1296, presumibilmente con un chiodo che gli ha traforato la testa, come si evince dal suo teschio.

    Si dice che prima della morte, vide una croce luminosa splendere nella sua cella e oggi si sentono, secondo i racconti, battere dei colpi misteriosi alle pareti. Tuttavia, la vicenda più macabra del Castello di Fiumone è legata alla della famiglia Longhi, nobili proprietari del castello dal 1584. Francesco Longhi, bambino di pochi anni, unico figlio maschio di questa famiglia nobile, venne ucciso dalle 7 sorelle per motivi di eredità. La madre, colta da questo improvviso e doloroso lutto, fece imbalsamare il corpo del bambino, che è ancora oggi visibile all'interno del castello.

    Ma non finiscono qui i misteri di questo luogo, poiché molti pensano che sia infestato da alcuni fantasmi. In particolare vi è il 'fantasma della madre', Emilia Caetani Longhi: sono in tanti ad essere sicuri di aver sentito, soprattutto nelle ore notturne, pianti e lamenti.

    C'è chi è sicuro che il fantasma si sente soprattutto nei pressi del corpo imbalsamato del piccolo dato che la madre proverebbe a cullarlo. Ma c'è anche chi giura di sentire urla strazianti provenienti dal 'Pozzo delle Vergini', che si trova nel castello e in cui secoli fa venivano gettate le donne che non arrivavano vergini al matrimonio.

     

    Fonte Immagini: www.castellodifumone.it

    Grazie per esserti iscritto!