TiNoleggio / notizie / I pittoreschi mulini della Valle del Savena, a Bologna

Inserisci i dati anagrafici del conducente principale affinchè possa essere calcolato un corretto importo assicurativo

ritiro
Codice convenzione:reloadOKKOright
times
nearbyairplanetrainboat
close
alertAttenzione, nessun punto di ritiro attivo nel comune indicato.

Di seguito elenchiamo una lista di comuni limitrofi, che presentano un centro noleggio:

Purtroppo non ci sono punti affiliati nell'arco di 0 chilometri dalla città indicata.

      18/09/2018 - 

    I pittoreschi mulini della Valle del Savena, a Bologna

    Valle del SavenaUna località turistica non molto conosciuta, ma che negli ultimi anni è meta di molti turisti, è la Valle del Savena, vicino a Bologna, caratterizzata dalla presenza di pittoreschi mulini ad acqua.

    Per addentrarvi nella valle, visitare i suoi mulini e respirare le tipiche ed antiche atmosfere della zona, il consiglio è quello di ritirare un'auto a noleggio all’Aeroporto di Bologna, precedentemente prenotata online con TiNoleggio.

    La storia della valle del Savena

    Valle del SavenaIl canale di Savena venne costruito per dotare la città di Bologna di una rete idrica artificiale. Per questo il Comune, alla fine del 12esimo secolo, realizzò due chiuse, quella di Casalecchio e quella di San Ruffillo, collegate proprio da questo lungo canale di Savena.

    In seguito, vennero costruiti dei mulini che, alimentati dall’acqua, erano utilizzati per la macinazione del grano. I mulini in origine erano 42, ma oggi non tutti si possono vedere, in quanto risultano nascosti dalle ampie vegetazioni che li circondano. I mulini sono distribuiti tra i comuni di Bologna, Pianoro, Loiano, Monzuno, San Benedetto Val di Sambro, e Monghidoro, che è il comune con il maggior numero di mulini, 12.

    I mulini più belli della valle del Savena

    mulinoPartendo da Bologna, il primo che si incontra è il Mulino Parisio, situato tra via Tosca e via Murri. La macinazione dei cereali in questo mulino è terminata alla fine degli anni ’70, anno in cui cessò anche la vendita degli stessi.

    Questo mulino venne edificato nel 1600 in una zona di campagna: è, infatti, uno dei mulini più antichi della Valle del Savena, che nel corso degli anni, dopo l’alimentazione con l’acqua del canale, venne alimentato a vapore e poi con l’energia elettrica.

    Risalendo verso l’Appennino si trova, in territorio di Monzuno, il Mulino dell'Allocco, di cui ancora oggi si nota la struttura risalente al 1874; il mulino terminò la sua attività nel 1982 ed oggi è una casa privata. Anche il Mulino della Grillara si trova nel territorio comunale di Monzuno; questo mulino è il più antico, essendo stato costruito nel corso del 17esimo secolo.

    Ubicato in una piccola borgata della valle, nel 1966 cessò la sua attività per la piena che fu causata dalle grandi piogge che colpirono pesantemente anche la città di Firenze, con effetto travolgente sulle costruzioni che si trovavano sul fiume. In questo mulino, oltre ai cereali venivano macinate anche le noci, per ottenere olio da utilizzare nelle lampade. Vicino alla Grillara si trova il Mulino di Donino, anche questo eretto nel 17esimo secolo, e che cessò la sua operatività negli anni 70.

    Nella località chiamata Bibulano di Loiano si trova il Mulino di Carlino, mentre a pochi Km di distanza potrete visitare, nel comune di Monghidoro, il Mulino di Ca’ Guglielmo ed il Mulino Mazzone. Il primo si compone di un insieme di fabbricati diversi, mentre il secondo, forse il meglio conservato, oggi è sede di un interessante museo.

    Grazie per esserti iscritto!